Posts contrassegnato dai tag ‘parcheggio sant’ambrogio’

croci santambrogio-2“No parking against christian Martyrs”.
“Il cimitero è l’identità di questo luogo”. Con questi principi il portavoce dei Radicali per Sant’Ambrogio Lucio Bertè, architetto obiettore di coscienza come lui stesso si definisce, ha dato vita per 55 ore tra la notte di Natale e la mattina del 27 dicembre a una nuova iniziativa di protesta contro il parcheggio sotterraneo in fase di costruzione. Il 56° giorno di sciopero della fame, per avere dal Ministero entro dicembre il nomenclatore per i malati di SLA, non l’ha fermato. (altro…)

berte

Nelle prime ore di domenica 16 dicembre l’arch. Lucio Berté, portavoce dei Radicali per Sant’Ambrogio, ha realizzato nel cantiere del parcheggio interrato della piazza un’iniziativa di sensibilizzazione e protesta. Per il contenuto dell’ardita iniziativa rimandiamo direttamente al sito dei Radicali, al cui link è anche pubblicato un video. (altro…)

Dopo la mozione contro il parcheggio di Sant’Ambrogio passata a maggioranza nel Consiglio comunale di Milano, ecco che anche il Consiglio della Regione Lombardia rinnova la sfiducia verso il parcheggio, a favore di una sistemazione più consona al decoro e al significato storico e culturale della piazza milanese. La mozione è passata all’unanimità. Il Comitato per la Salvaguardia di Piazza Sant’Ambrogio si rallegra per l’importante pronunciamento e si augura che possa servire a fermare lo scempio che avana inesorabile nela piazza. Ecco il testo della mozione approvata il 24 luglio: (altro…)

“L’intervento è «invasivo» e «non compatibile» con il vincolo monumentale che protegge il quartiere, scrive il soprintendente Alberto Artioli nella relazione inviata al Comune. Il parcheggio interrato stravolgerebbe il paesaggio. Sei piani per le auto scavati sotto la piazza, filari d’alberi da sacrificare, griglie per l’aerazione che bucano il terreno, ascensori, rampe e scale di risalita che mortificano l’aspetto di questo scorcio monumentale di Milano. La Soprintendenza ha esaminato i disegni, valutato le «evidenti criticità» e notificato la sua opposizione al Comune: «Non viene condivisa la proposta progettuale». Parere negativo. C’è un vincolo architettonico da rispettare, la pratica dovrà essere riesaminata”.

(altro…)

“Questa piazza… piazza Sant’Ambrogio… E’ una vergogna questo cantiere! Ho letto sul giornale che avrebbero sospeso i lavori. E invece? Ma continuano questi maledetti lavori?” Cosa rispondere all’elegante signora che, percorrendo il passaggio delimitato dalle recinzioni metalliche, scuote la testa, incredula di fronte all’avanzare di macchinari che, rumorosi e ingombranti, tolgono allo sguardo la vista dei campanili di Sant’Ambrogio e alla piazza la sacralità silenziosa delle memorie custodite nei millenni?
Il 19 aprile è parsa la data della svolta: il Consiglio Comunale, nella stessa seduta in cui ha revocato sei parcheggi sotterranei in altri luoghi di Milano, ha approvato la mozione con cui si è chiesta la sospensione dei lavori di realizzazione del parcheggio sotterraneo, l’avvio presso la Direzione Regionale per i beni culturali del procedimento di dichiarazione dell’interesse culturale della piazza, sede dell’antico Coemeterium ad Martyres e come tale tutelata dalla Costituzione, e la progettazione del Giardino della Memoria, come monumento alla libertà di espressione di ogni fede e segno di devozione a quanti in ogni tempo per la verità hanno affrontato il martirio. (altro…)

Buone notizie: approvata la mozione con cui i Consiglieri Marco Cappato (Gruppo Radicale-Federalista europeo, sostenuto dai Radicali per Sant’Ambrogio e dal loro portavoce Lucio Bertè) e David Gentili (Partito Democratico) hanno chiesto una pausa di ripensamento sulla realizzazione del parcheggio interrato in piazza Sant’Ambrogio! Questo nella stessa seduta di ieri 19 aprile in cui il Consiglio Comunale ha approvato la revoca di altri sei parcheggi interrati, in sedi rilevanti, ma di significato simbolico e storico per la città non pari a quello di piazza Sant’Ambrogio. (altro…)

Mentre noi siamo alle prese con la farsa del parcheggio di sant’Ambrogio (l’unico del centro storico a non essere revocato!) il giornalista Marco Preve ci informa cosa sta avvenendo nel Parco storico dell’Acquasola, dove i giudici hanno sventato la costruzione di un garage sotterraneo anche contro il parere della Sopraintendenza (La Repubblica Edizione Genova, 18 marzo 2012). Della vicenda abbiamo già riferito parlando della storica sentenza della Cassazione che ha dato piena legittimità alla decisione dei giudici che avevano revocato il progetto del parcheggio anche contro il parere del Comune e della Soprintendenza (leggi qui). Ora, ci informa Preve, un avviso di garanzia ha raggiunto una funzionaria della Sopraintendenza per il nulla osta dato al cantiere. Capo di imputazione: aver violato l’articolo 170 del Codice dei Beni culturali (“Uso illecito”), che cos’ recita: “È punito con l’arresto da sei mesi ad un anno e con l’ammenda da euro 775 a euro 38.734,50 chiunque destina i beni culturali indicati nell’articolo 10 ad uso incompatibile con il loro carattere storico od artistico o pregiudizievole per la loro conservazione o integrità”. (altro…)

In un incontro con il ministro dei Beni culturali Lorenzo Ornaghi, la presidente di Italia Nostra Alessandra Mottola Molfino ha presentato un appello per fermare il parcheggio, firmato da decine di nomi illusti dell’accademia italiana, fra cui molti docenti della Università Cattolica di MIlano, che si affaccia sulla piazza, e di cui l’attuale ministro è rettore. Hanno aderito anche personalità come Aldo Bassetti e Marco Vitale. La lettera, dopo aver ricostruito le vicende che hanno reso possibile una scelta così contraria ai principi della tutela, si sofferma sui recenti ritrovamenti che ribadiscono (se ce ne fosse stato bisogno) la straordinaria rilevanza archeologica, storica, religiosa e monumentale della piazza, della basilica e del suo cimitero ad martyres. Di seguito il testo della lettera: (altro…)

“Stanno lavorando la Sovrintendenza e la Procura della Repubblica, credo sia giusto aspettare una loro decisione”, ha detto il Sindaco Pisapia. «I box? Aspettiamo i giudici» (Corriere della Sera, Milano), «Procura e Sovrintendenza decidano su Sant’Ambrogio» (Repubblica, Milano), «Sant’Ambrogio, Pisapia confida nella Procura» (Il Giorno, Milano). Così titolano i quotidiani del 26 febbraio. Alla Soprintendenza la responsabilità della tutela, alla Procura quella della legalità. E la responsabilità politica a Milano a chi tocca? L’Amministrazione Pisapia il parcheggio sotterraneo in piazza Sant’Ambrogio lo vuole o no? (altro…)

Il sopralluogo della Commissione Comunale Lavori Pubblici presso il cantiere del parcheggio si è svolto giovedì 23 febbraio, in presenza dell’Assessore ai Lavori Pubblici Lucia Castellano. Le sue affermazioni sulla prosecuzione dei lavori di realizzazione del parcheggio, in considerazione del connotato non monumentale delle tombe recentemente rinvenute, non ha incontrato unanime consenso politico, e la posizione finora ufficiale del Comune, rappresentata da queste affermazioni, è stata messa in discussione. (altro…)