Editoriali dell’arch. Marco Romano? No, grazie!

Pubblicato: febbraio 20, 2012 in Uncategorized
Tag:,

L’editoriale di Marco Romano, apparso il 19 febbraio sul Corriere della Sera, edizione di Milano, rappresenta la posizione a noi antagonista, una posizione per cui – come apprendiamo dall’articolo – l’attuale piazza Sant’Ambrogio, dove è progettato il parcheggio, non è piazza Sant’Ambrogio, l’Europa è un tutt’uno omologabile da Barcellona a Colonia, da Bordeaux a Monaco, i centri storici devono essere pedonalizzati, ma vi si devono anche scavare nel cuore megaparcheggi a rotazione. Riportiamo il testo dell’articolo per ampliare l’orizzonte del nostro dibattito critico.
Qualche breve nota sull’arch. Marco Romano relativamente al parcheggio di piazza Sant’Ambrogio: viene nominato con atto commissariale del 29 settembre 2006 dal Sindaco-Commissario Letizia Moratti membro della commissione di “garanti” o “saggi” sul parcheggio di piazza Sant’Ambrogio. Questa commissione non è chiamata ad esprimersi sull’opportunità o meno di realizzare il progetto del parcheggio, ma esclusivamente a pronunciarsi sul progetto di sistemazione della sua superficie. Dei “garanti” nominati (quattro e, successivamente, cinque), la maggioranza, tra cui Marco Romano, si è già dichiarata pubblicamente a favore del parcheggio; alcuni hanno già rivestito incarichi presso il Comune di Milano. La relazione della commissione (8 febbraio 2007) si conclude con la proposta di ampliare le dimensioni del parcheggio, aumentandone anche il numero delle rampe di accesso da una a quattro, per ogni via che si immette nella piazza.
Il 19 novembre 2011 nell’editoriale del Corriere della Sera, I Beni culturali ricomincino dal basso, Marco Romano ha proposto uno smantellamento radicale del sistema della tutela del patrimonio storico e artistico della Nazione attuato attraverso le soprintendenze, suggerendo in alternativa che i monumenti “più significativi” vengano “adottati” da “istituzioni, fondazioni, gruppi di cittadini” col supporto tecnico delle facoltà di architettura.
Il 27 dicembre su Saturno viene pubblicata la replica di Tomaso Montanari, Beni culturali, l’adozione non è la soluzione, di cui riportiamo uno stralcio:
“ Ma quali sono i veri obiettivi della proposta di Romano (e non solo sua: per esempio, Dario Nardella, il vicesindaco di Matteo Renzi a Firenze, prospetta da tempo misure analoghe) ? Essi appaiono chiarissimi: affidare i monumenti “più significativi” (presumibilmente assai pochi e sradicati dal tessuto storico artistico continuo che è l’Italia) ad una vaghissima adozione volontaristica dal basso e poter sottoporre tutto il resto ad una sfrenata ‘valorizzazione’ (leggi: monetizzazione), fatta di alienazioni, trasformazioni edilizie irreversibili, inesorabile messa a reddito.
La biografia stessa di Marco Romano incoraggia questa lettura: nel 1981 egli teorizzava che  « la trasformazione di Venezia in una disneyland potrebbe segnare il passaggio a un modo di vivere più creativo, più allegro, più festoso »;  più recentemente, è stato uno dei garanti chiamati dalla Moratti a garantire la realizzazione del parcheggio sotto la piazza milanese di Sant’Ambrogio (uno dei peggiori scempi in atto) ”.

Annunci
commenti
  1. Maria Bertolotti ha detto:

    Una bella replica a Marco Romano, che agitava a favore del parcheggio gli stessi identici argomenti di adesso, incoraggiando anche allora a dormire sonni tranquilli, era già stata pubblicata sul Corriere nel febbraio 2007, a firma Carlo Bertelli. La riporto sotto.

    «I fragili edifici medievali non sopporteranno gli scavi»

    di Carlo Bertelli

    Sul parcheggio a Sant’ Ambrogio, alcuni temi sollevati da Marco Romano meritano una riflessione. Anzi tutto, il campanile. So bene che nello sciagurato restauro Reggiori la canna del campanile fu dotata di una gabbia di cemento armato. Non c’ è di che rallegrarsene: tali strutture possono risentire nella loro stabilità in seguito a un profondo scavo. Tanto più questa che sostiene una struttura medievale. Il problema, con edifici medievali, è che questi sono più delicati di quanto si pensi. Alla base del campanile vi è un frammento di intonaco affrescato che dimostra che la base della torre risale all’ XI secolo, per cui l’ orientamento del portico della basilica fu determinato prima della costruzione del XII. Questo frammento potrebbe facilmente staccarsi. Il progetto è «europeo» e Romano cita il caso di altre grandi città europee. Nello sguardo d’insieme ha certamente ragione, se non che Milano non è una grande città europea. Il suo tessuto medievale è in gran parte conservato e dominante. Specialmente intorno a Sant’Ambrogio. San Carlo si rese conto di come la basilica martyrum fosse modesta come una chiesa parrocchiale e affidò al Pellegrini un progetto di rifacimento che, fortunatamente, non si compì mai. Ora, nel rendering che è stato mostrato per sostenere il progetto, le griglie di aerazione hanno una sequenza e una frequenza che fa gridare allo scempio. Sant’ Ambrogio, malgrado la torre dei venti che l’affianca e la facciata dell’università Cattolica, è un luogo unico al mondo per densità storica. È questa che va valorizzata, lasciando i problemi del traffico come estranei al compito principale, che è quello di evidenziare il profondo significato che ha per l’ Europa la basilica, dove riposano, con sant’ Ambrogio, san Satiro, i Santi martiri Gervasio e Protasio, gli imperatori del Sacro Romano Impero, dal figlio di Carlo Magno a Ludovico II. Se davvero è indispensabile un parcheggio in zona, perché non in via Olona? La città deve ritrovare se stessa al cospetto di quell’ unità europea che fu pensata proprio riferendosi all’ Impero Carolingio.

    Corriere della Sera (ed. di Milano), 4 febbraio 2007

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...